Sgombero Ex Telecom: Coalizione Civica, Stare dalla parte dei deboli

By 20 ottobre 2015comunicati, notizie
Un momento dello sgombero, dal sito di Radio Città del Capo

Un momento dello sgombero, dal sito di Radio Città del Capo

Comunicato stampa

In via Fioravanti oggi ci sono 98 minori. Sono sgomberati dal palazzo ex Telecom anche loro, con le proprie famiglie, forse 280 persone. Questo evidenzia il fallimento delle scelte politiche del PD e della Giunta del Comune di Bologna. I problemi sociali non si risolvono con la Magistratura e le Forze dell’Ordine, bisogna farsi carico tempestivamente e coraggiosamente dei problemi abitatitvi per le famiglie che sono in difficoltà economiche gravi. Su queste questioni la Giunta Comunale si è mossa in ritardo ed in modo contradditorio.

Il Sindaco Merola vuole accreditarsi come il Sindaco dell’ordine e del rigore, ma questa è una scelta non solo sbagliata, ma ipocrita perché l’emergenza sociale legata al problema della casa non si risolve con gli sgomberi, ma con politiche sociali serie che rispondano ai bisogni delle persone in difficoltà ed evitino le occupazioni di edifici vuoti e dismessi da molto tempo come è accaduto negli ultimi mesi a Bologna. Se c’è la volontà e la determinazione politica ci sono soluzioni, per esempio utilizzando il patrimonio di enti pubblici che viene colpevolmente lasciato vuoto.

Vogliamo ricordare che bisogna avere una particolare cura verso i bambini e le loro famiglie: è sbagliato separare i nuclei famigliari e trovare soluzioni solo per le madri e per i loro figli; è sbagliato traumatizzare i bambini che si vedono di fronte decine di agenti di polizia in divisa. C’è un solo modo per stare dalla parte della Giustizia Sociale: stare dalla parte dei deboli che è anche la stessa parte della non violenza

Cecilia Alessandrini
Andrea Avantaggiato

Utilizzando il sito e continuando nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi