IBRAHIM AHMAD
ABU DAWOD
Nato a Betlemme il 10 gennaio 1960. Di origine palestinese, vive e lavora in Italia da più di vent’anni, e vi ha acquisito la cittadinanza. Laureato in Scienze Politiche presso l’Università degli studi di Bologna, e ha conseguito un Master sui diritti umani (intervento umanitario). E’ stato docente di lingua e cultura araba presso l’ Università degli studi di Urbino e presso l’ISIAO (Istituto Italiano Africa e Oriente) nelle sedi di Ravenna e Bologna e attualmente lavora come Responsabile per i rapporti con il mondo arabo islamici All’interno di Halal Global verifica la conformità dei prodotti in via di certificazione alla religione e giurisprudenza islamica, cura i rapporti con i paesi di cultura arabo-islamica e segue inoltre le attività commerciali dell’ente. Mi sento e sono un cittadino di Bologna, qui sono nati i miei 3 figli che hanno studiato nelle scuole del quartiere dove risiedo. Da diversi anni però non riconosco più la mia città; la trascuratezza del mio quartiere, la mancanza di attenzione verso le scuole che frequentano i miei figli. Vivo un’ostilità che mai nel passato avevo conosciuto. Ho deciso che era arrivato il momento di ricambiare l’accoglienza che avevo ricevuto quando ero ancora un ragazzo. E’ per questo che mi candido, in Coalizione Civica, per poter dare da cittadino, con altri cittadini il mio contributo per restituire respiro alla mia città.
Lorenzo Alberghini
detto Lollo
Nato a Bologna 09/09/1970 Laureato a Bologna in Odontoiatria. Libero professionista. Residente nel Quartiere Santo Stefano. Membro arrivo del Meetup di Bologna dal 2005 al 2009 ha coordinato l'organizzazione del V-DAY1, V-DAY2 e delle principali video inchieste. Primo espulso del M5S a Bologna. Presidente dell'Associazione Primavera Urbana, progetti: - Bi-Bo Tour (www.bi-bo.it). Tour turistici in risciò. Hanno l'obiettivo di creare reddito per soggetti a rischio di emarginazione sociale. - Capofila nell'autogestione delle ex scuole MERLANI, primo esempio di autogestione di un luogo pubblico abbandonato, destinato ad uso abitativo e di integrazione per i profughi della guerra in Libia. - Fabbrica Bologna (cooperativa di costruzione di risciò), nel bando Case Zanardi. -Bolognaccoglie Autore di un documentario "Marchionne in Fonderia" che mette a confronto l'esperienza della fabbriche occupate e autogestite in Argentina con la Fiat di Termini Imerese. Membro della Consulta della Bicicletta. Promuove un progetto di odontoiatria sociale. Fondatore e membro attivo del Comitato No People Mover. Ha preparato il dossier sull'apertura dei cantieri che ha portato all'apertura di una nuova inchiesta per "favoreggiamento" e "abuso d'ufficio" contro "l'ignoto" Merola. Candidato civico alle elezioni regionali 2014 con la L'Altra Emilia-Romagna, il più votato della lista a Bologna.
Francesco Basile
conosciuto come Luca
Nato a Catanzaro il 18 Febbraio 1971. Professore associato in Chimica Industriale e insegna processi sostenibili per la Chimica e per l’Energia all’Università di Bologna. Abita nel quartiere Navile Si è occupato di cooperazione in Africa e Sudamerica dirigendo l’ONG Amici dei popoli e lavorando nel consiglio di Focsiv e delle ONG italiane, ha partecipato e coordinato le politiche della società civile durante i G8 e i vertici internazionali. Si occupa di biologico e di economia solidale, è membro del consiglio di amministrazione di Fairtrade Italia e del coordinamento della campagna Stop TTIP. Alcuni anni fa si è iscritto per la prima volta ad un partito scegliendo Sel ed ha coordinato Sel Bologna nel momento di massima apertura alla società civile con la quale continua a creare ponti per costruire scelte nette di cambiamento e innovazione politica. Il primo luglio sono stato fra i primi firmatari dell’appello di Coalizione Civica.
Margherita Boncompagni
detta Megghi
Nata a Bologna il 13 febbraio del 1988. Sono una laureanda in Cooperazione Internazionale e Tutela dei Diritti Umani precedentemente laureata in Scienze Antropologiche. Da sempre mi interesso ai temi legati all’aggregazione e alla vita culturale e in città ho ricercato, attraverso il mio impegno politico, nuove forme di partecipazione cittadina: dal recupero di spazi in disuso alla creazione di spazi culturali, cercando di far incontrare mondi e generazioni diverse, come nell’esperienza di cogestione del centro culturale per anziani del Baraccano e del Circolo Metropolitano Panenka, che ha favorito la promozione culturale e l’attività sociale di giovani tra i 18 e i 30 anni. Fin da adolescente mi sono interessata di politica e attività rivolte agli studenti come rappresentante della Consulta Studentesca Provinciale per il liceo classico Galvani, partecipando inoltre al movimento No Moratti del 2005. Durante il periodo universitario sono stata parte attiva dell’Onda Studentesca e ho ricoperto il ruolo di Vice presidente del Consiglio Studentesco dell’Università di Bologna dal 2008 al 2010. Attualmente collaboro con uno sportello di assistenza legale rivolto ai migranti, attività che si unisce al mio percorso di studi e alla mia intenzione di specializzarmi nella tutela dei diritti umani. Risiedo da sempre nel quartiere Santo Stefano, dove lavoro in un centro per la danza e le discipline corporee in corsi dedicati ai bambini. Ho scelto di rimanere a Bologna perché credo sia una città con grandi potenzialità ancora da esprimere al loro meglio. Parafrasando il primo cosmonauta che ha avuto la fortuna di osservare il nostro pianeta nella sua interezza: da qui Bologna è bellissima, senza frontiere né confini.
Vittorio Capecchi
Professore emerito dell'Università di Bologna, ha insegnato sociologia e sociologia economica. Dirige la rivista Inchiesta e la rivista di modelli matematici in lingua inglese Quality and Quantity. International Journal of Methodology. Laureato in economia alla Bocconi, ha diretto per quasi dieci anni il Centro Studi, prima di Bologna e poi dell'Emilia Romagna, della Federazione Lavoratori Metalmeccanici. Il suo percorso politico va da Claudio Sabattini a Maurizio Landini: dalla FLM alla Fiom. Si è occupato di persone disabili e anziane dirigendo un Master UniBO su questi temi. Negli ultimi 20 anni ha portato avanti ricerche di economia regionale in Emilia Romagna, Giappone e Veit Nam.
Mauro Chiodarelli
Nato a Verona nel '58. Ingegnere, mi occupo principalmente di progettazione e direzione lavori di opere pubbliche e di gestione di servizi di manutenzione. Ho lavorato diversi anni in Amministrazioni Pubbliche. Credo nella gestione pubblica delle reti e dei servizi, strumento per supportare e migliorare la vita dei cittadini. Credo nella valorizzazione dei quartieri come elemento di governo, con i cittadini, del territorio e del bene pubblico. Coordino l’Associazione il Manifesto in rete, che si occupa di cultura politica. Comunista.
Emily Clancy
Nata a Bologna il 25 aprile di 25 anni fa. Residente nel quartiere San Vitale. Ha trascorso i mesi scolastici in città, tra il liceo classico Minghetti e i microfoni di Radio Città del Capo dove ha imparato fin da adolescente i valori dell’informazione indipendente e della musica, e le estati dai parenti tra Inghilterra e Canada, dove ha imparato il significato di welfare facendo ricerca nei sindacati dei lavoratori. Si è laureata in giurisprudenza frequentando l’Università tra Bologna e Londra, abbracciando la causa dei diritti umani e specializzandosi in diritti Lgbt e diritto anti-discriminatorio, ambito in cui svolge il praticantato come avvocato. Ha coltivato diversi interessi prediligendo sempre un approccio indipendente e libero alla vita. Tra una prova di teatro e un’assemblea, durante questi anni ha svolto diversi lavori: dalla barista alla giornalista, dalla dj alla babysitter. Sogna una città aperta e accogliente, una città disponibile a rilanciare la solidarietà, pronta a valorizzare il dinamismo culturale e i progetti alternativi. Sogna una Bologna diversa e multiculturale, una libera capitale europea dei diritti di tutte e di tutti.
Marina D'Altri
Nata a Bologna nel 1966 è la titolare di un’agenzia che si occupa di selezionare stilisti e di collocarli nelle aziende d’abbigliamento italiane e straniere. Attiva dal 2007 nei movimenti in difesa della scuola pubblica, è stata candidata come indipendente nelle liste del PD alle scorse elezioni amministrative. Promotrice del Referendum Art. 33 contro i finanziamenti alle scuola dell’infanzia private, vinto e poi ignorato dall’attuale amministrazione, ha partecipato, come garante, all’esperienza delle Lista l’Altra Europa con Tsipras alle europee del 2014 e come tesoriere regionale a quella dell’Altra Emilia Romagna alle ultime regionali. E’ stata consigliere d’istituto in due Istituti comprensivi della città. E’ stata la prima firmataria dell’appello “Per una coalizione civica alle prossime elezioni comunali di Bologna” ed è attualmente il vice-presidente dell’associazione Coalizione civica per Bologna.
Giovanni Marco De Pieri
Detto Gianmarco
Imprenditore e agitatore sociale nasce a Padova 41 anni fa. A Bologna dal 1996 si innamora perdutamente della città, dove decide di vivere. E vivere per Gianmarco significa da sempre lottare con ostinazione contro le ingiustizie sociali, per i diritti dei più deboli, per una società migliore, animato dal sogno di dare il potere alla società che lotta. Essere un agitatore sociale a tempo pieno non gli ha impedito di laurearsi in ingegneria col massimo dei voti e con sei mesi di anticipo, per poi ottenere anche il diploma a Henley in Oxforshire con tesi su Leadership distribuita in contesti complessi. Chiusi gli studi inizia subito a cimentarsi con scrupolo e dedizione alla vita professionale. Inizia come analista per la Coop, poi come ingegnere per una nota multinazionale, dove viene licenziato perché, come da sentenza, discriminato per le sue battaglie politiche. Dimostra che si può lottare per la difesa dei valori in cui si crede, anche se questi apparentemente confliggono con gli interessi personali. Il bene collettivo prima di tutto. Dopo aver ricominciato come manager per una società di consulenza, decide di mettersi in proprio e aprire Zazie. L'avventura di imprenditore la vive come sempre, con dedizione e ostinazione. Vince la sfida e dimostra che nonostante la crisi si può fare impresa in modo etico e continuare a lottare in strada, in piazza, nelle assemblee. Non ha mai obbedito, né al potere né alla sacralità del movimento, convinto, come disse Micheal Jeffrei Jordan, che "i limiti, come le paure, spesso sono solo un'illusione". I recinti, anche quelli di movimento preferisce provare a saltarli, perché la prima sfida è sempre verso noi stessi.
Stefano Del Villano
di tendenze lebowskiane, nato nel 1967, a Bologna dal 2001. Ho vissuto una breve ed intensa stagione politica con la Pantera e dintorni. Avvocato amministrativista, il primo amore è stata la procedura penale: mi sono laureato con Franco Cordero nel 1994. L'impegno politico l'ho riversato nella professione, smascherando concorsi universitari truccati, bloccando spregevoli speculazioni edilizie, aiutando lavoratori contro datori di lavoro spietati. Mi dichiaro antifascista, laico, repubblicano e libertario. Vivo questa candidatura come un antidoto contro il disimpegno.
Mirella Di Lonardo
Sono nata a Torino nel 1957 ma dal 2008 abito nel quartiere Saragozza con Truciola, la mia piccola cagnolina cieca. Laurea in Scienze Politiche, sono Consulente del Lavoro e mi occupo dell'amministrazione del personale dipendente di PMI e conosco bene le dinamiche socio economiche del lavoro privato e la fatica di vivere con la "Partita Iva", soprattutto se si è donne. Bologna mi ha adottata e affascinata: voglio rendere disponibili le mie competenze tecniche per un governo laico della città.
Agnese Doria
Agnese Doria (26/05/78, Mirano VE), vive con il marito Alessandro e con Tommaso, loro figlio. E' giornalista e lavora come ufficio stampa per Festival e Teatri in Regione. E' tra i soci fondatori di Altre Velocità, con cui dal 2005 si occupa di Audience Development, interrogandosi su quali siano oggi gli strumenti più adeguati nella formazione di uno spettatore più consapevole. Agnese è convinta che accrescere il pubblico della cultura da un punto di vista teorico-critico aiuta anche la formazione di un cittadino consapevole, capace di osservare, descrivere, analizzare, scegliere e giudicare. Il teatro è dunque luogo della visione, ma anche del dibattito e dell’arena della vita politica. Si definisce con orgoglio "una cittadina qualsiasi", senza particolari trascorsi politici, ma con il desiderio non solo di guardare, analizzare e osservare il mondo ma anche di adoperarsi per trasformarlo nel "migliore dei mondi possibili".
Vincenzo Fanari
Ha 37 anni, nato a Biella, in Piemonte. Residente nel Quartiere Navile. 18 anni fa ha scelto di vivere a Bologna. Laureato in Scienze Politiche. Ha conseguito una specializzazione in Teorie e Tecniche di Gruppo e una in Benessere Organizzativo. Si è occupato di ricerca e intervento psicosociale con i gruppi e le organizzazioni di lavoro. Attualmente lavora per Tper Spa. In qualità di rappresentante sindacale aziendale si occupo di trasporto pubblico locale e dei temi della sosta e della mobilità della nostra Città. Ha dedicato i suoi studi e la sua passione politica alla promozione della parità e della pluralità, intese come antidoti alle forme manipolative del potere e dell’autoritarismo e come premesse per l’invenzione di un benessere soggettivo e diffuso. A questa scelta – a questa bella scommessa – ha ispirato la sua voglia di partecipare e i suoi desideri di cambiamento.
Annalisa Gagliano
Nata a Bologna il 12/06/1972 Vive con sua figlia di 14 anni a Imola Si è occupata di sociale per tutta la vita concentrandosi sul tema della violenza domestica gestendo ad Imola il centro antiviolenza e le case delle Donne Il volontariato è da sempre parte integrante della sua vita. E’ tra le fondatrici del comitato di lotta sisma.12 nella bassa emiliana per i diritti dei terremotati Civica convinta ha collaborato a due liste civiche una a Imola ed una a Dozza. I temi che mi interessano sono le politiche di genere, il terzo settore, il volontariato, l’integrazione sociale e le nuove forme di welfare possibile a partire da progetti di autoorganizzazione.
Maria Angiola Gallingani
E’ nata a Bologna l’11 novembre 1955. Abita nel Quariere Santo Stefano. Lavora presso il Servizio Studi per la Programmazione della Città Metropolitana di Bologna. Laurea in architettura presso l’Istituto Universitario di Architettura di Venezia con una tesi su ‘Decentramento e urbanistica nell’amministrazione della città di Bologna dal 1945 al 1977’. Collabora alla redazione del Piano Territoriale Infraregionale della Provincia di Bologna; partecipa alla Commissione Piani e Istituzioni del Direttivo nazionale dell’Istituto Nazionale di Urbanistica. Assessore all’Urbanistica nel Comune di Sasso Marconi eletta nelle liste del PCI. Collabora alla stesura del Progetto Città metropolitana. Collabora alla rivista Metronomie di ricerche e studi sul sistema urbano bolognese, di cui dal 1998 coordina la redazione. Collabora al Rapporto sulla sostenibilità delle previsioni urbanistiche elaborato per lo Schema Direttore Territoriale Metropolitano dell’area bolognese. Pubblica per Feltrinelli il romanzo L’angelo scassinatore. Pubblica Le occasioni della metropoli – La pianificazione “metropolitana” a Bologna. Collabora alla redazione del Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale Realizza il video-magazine Città visibili. Collabora alla ricerca svolta per RFI Scambi ferroviari sul Servizio Ferroviario Metropolitano bolognese. Collabora alla stesura del rapporto Dinamiche e sviluppo dell’Appennino metropolitano.
Andrea Garofani
Nato a Bologna il 26/11/1952. Residente nel Quartiere San Vitale-Zona Irnerio. Sposato vive con noi un cane di nome Mozart. Pensionato, ho lavorato per quasi 43 anni negli Enti Locali, in particolare ho lavorato circa 30 anni in Comune di Bologna in vari settori tra cui Dirigente del Settore Qualità, Direttore del Settore Economia (controllo delle attività produttive e commerciali), Direttore del Quartiere Savena. Per 10 anni sono stato prima Direttore del Consorzio Servizi Sociali Imola poi Direttore dell’Asp Circondario Imolese, per 4 anni Direttore dell’Asp del Delta Ferrarese e Dirigente di Progetto presso l’Agenzia Sanitaria e Sociale Regione Emilia-Romagna. Dal 1976 al 1988 ho fatto il Dirigente della Fp-Cgil, per 6 anni come responsabile della Cgil del Comune di Bologna, e per 6 anni come Segretario Provinciale della FP-Cgil di Bologna.
Brunella Guida
Sono nata a Trapani il 2 luglio 1964 e vivo da circa 30 anni in Bolognina nel Quartiere Navile. Lavoro come impiegata presso l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani dell’Emilia-Romagna. Sono sposata e ho due figli: una ragazza di 22 anni ed un ragazzo di 15. E’ a partire dall’esperienza di genitore e dall’indignazione per la progressiva e devastante politica di privatizzazione della scuola pubblica (portata avanti dei governi sia di destra che di sinistra, sino all’ultima scellerata riforma del Governo Renzi) che ho deciso di rivolgere tutto il mio impegno di cittadina in difesa della scuola di tutte/i, laica e gratuita. Nel 2013 ho partecipato attivamente alla campagna per il Referendum cittadino contro il finanziamento pubblico alle scuole private. La grande arroganza con cui anche il governo della città di Bologna ha ignorato la volontà dei propri cittadini ha rafforzato in me l’urgenza di una politica nuova e che parta da basso. Attualmente faccio parte dell’Assemblea delle Scuole di Bologna e provincia, sono tra i soci fondatori dell’Associazione “Una nuova Primavera per la Scuola Pubblica” e membro della segreteria di Scuola e Costituzione. Con Coalizione Civica mi candido – oltre che in Comune - nel Consiglio circoscrizionale del Navile.
Maria Longo
Nata a Roma 20.01.1950 Residente nel quartiere S. Stefano Magistrato in pensione, Ha ricoperto diversi uffici arricchendo l’esperienza professionale anche con l’interesse per i risvolti sociali del proprio lavoro, nel tentativo di coniugare le esigenze del diritto con le necessità della persona, Il Tribunale per i minori ed il Tribunale di Sorveglianza sono stati, sotto questo profilo, un grande stimolo all’individuazione di strategie utili alla gestione dei conflitti nella collaborazione con gli operatori del territorio. Vede quindi questa possibile nuova esperienza come la prosecuzione – da un diverso angolo di visuale e con diverso potere di intervento- di un lavoro sul disagio che include l’attenzione alla legalità ed alle priorità nelle scelte politiche.
Antonio Madera
detto Mad
Nato a Cosenza 16 luglio 1962 Risiede nel Quartiere San Vitale-Zona Irnerio Medico Chirurgo Cose fatte: ha raccolto 300 delle 3500 firme per l’interrogazione pubblica che l’Assessore Colombo non ha mai concesso sul People Mover Mai iscritto al PD Ha contribuito alla vittoria del referendum sull’acqua Ha contribuito alla vittoria del referendum sulla scuola Ha contribuito al superamento dello sbarramento di Altra Europa con Tsipras Ha contribuito al superamento dello sbarramento con Altra Emilia Romagna Cose da fare: Vincere in Comune.
Laura Moscarelli
Nata a: Scandiano (RE) il 16/10/1984 Residente nel Quartiere Borgo Panigale Professione: Operatrice Socio Sanitaria presso Ospedale Rizzoli Da circa 8 anni vive a Bologna, città che “ha dato i natali” anche al suo (felice) matrimonio. Sin dall’adolescenza si è interessata di tematiche sociali, a cui si è avvicinata anche professionalmente negli ambiti più disparati, passando dall’assistenza agli anziani sino al coinvolgimento delle persone con disabilità nelle attività quotidiane. Ritiene infatti che per rendere una società degna di tale nome sia necessario, anziché puntare ad una spasmodica crescita “infinita”, costruire condizioni d’accesso alla vita che siano veramente dignitose per tutti (anche con sacrifici tavolta), dove la vera eguaglianza è data dal riconoscimento della diversità di ognuno di noi.
Aziz Chergui Ouadeh
Nato a Fes (Marocco) il 07/09/1979, dove è vissuto fino al 2005 conseguendo una laurea in giurisprudenza con indirizzo in diritto commerciale internazionale. Residente nel quartiere Savena, è sposato con un’italiana e ha un figlio. Sin dalla giovanissima età si mostra interessato e incuriosito dalla politica seguendo la passione paterna, sensibile verso i problemi sociali e le condizioni dei più deboli. Appena laureato trova occupazione presso uno studio notarile collaborando per un breve periodo. La sua curiosità, il bisogno di aprirsi ad un mondo nuovo, il desiderio di conoscere, lo spingono, nell’agosto del 2005 a trasferirsi in Italia, a Bologna, dove frequenta l’Università statale per il riconoscimento del titolo. Tra le varie città italiane predilige la vecchia e dotta Felsina ,verso la quale nutre sin da subito un amore profondo che lo fa sentire a casa sua. Collabora presso alcuni studi legali in materia di diritto degli stranieri. Ha lavorato presso il carcere della Dozza come mediatore culturale,nonché presso la Commissione dei rifugiati e richiedenti asilo. Mercoledì 6 Aprile 2016, giurando sulla Costituzione fedeltà alla Repubblica italiana, ha ottenuto la cittadinanza italiana.
Silvia Pagnotta
Sono nata a Roma nel 1970, laureata in giurisprudenza mi sono trasferita a Bologna 15 anni fa inseguendo i miei sentimenti e un’idea di città solidale e accogliente. Per anni Bologna veniva raccontata a noi “forestieri” come una sorta di punta di diamante dell’innovazione amministrativa e della partecipazione democratica: servizi sociali efficienti, sanità pubblica all’avanguardia, nidi e scuole materne per tutti coloro che ne facevano richiesta, una socievolezza diffusa, l’università più importante del paese, un piano urbanistico a salvaguardia del verde e della collina, le osterie, il buon cibo, i capannelli nelle piazze a discutere di politica. Una città speciale, giovane e intelligente. Ho fatto appena in tempo ad assaggiarne la scia. Quella città non c’è più. Oggi è quasi totalmente scomparsa, omologata a logiche economiche e politiche che nulla hanno più a che fare con la mia cultura e​ le mie aspirazioni. Ho cercato insieme a tanti altri di difendere la nostra scuola pubblica attraverso il referendum comunale del 2013 contro i finanziamenti pubblici alle scuole private paritarie: 90.000 cittadine e cittadini si sono espressi e sono stati ripagati da questa amministrazione con il silenzio e l’indifferenza; lo stesso accade nei confronti dell' impegno in difesa di un welfare dignitoso e inclusivo, ogni giorno più insensibile ai bisogni delle persone e in particolare delle donne. Ecco perché Coalizione Civica, una speranza per uscire dalla rassegnazione e dall’impotenza, un organismo vivente carico di energie positive, abitato da persone disinteressate, teste diverse, ma con una visione comune del futuro da costruire. Io sono una di quelle, spero di essere all’altezza, spero di essere utile.
Sergio Palombarini
Nato a Bologna il 4.8.65, residente nel Quartiere S.Stefano, avvocato lavorista, cercherò per quanto possibile di dare un piccolo contributo per progetti che riguardino: mondo del lavoro, immigrazione, solidarietà, scuola, musica arte e sport, per la città e per il Quartiere Santo Stefano
Mirco Pieralisi
Mi chiamo Mirco Pieralisi, ho 63 anni, 44 vissuti a Bologna. Nella scuola pubblica ho imparato a leggere e ad ascoltare e ancora oggi, entrando in classe, dopo 36 anni da maestro, so che può accadere un imprevisto che mi farà ancora scoprire cose nuove, cambiare idea, sperimentare, guardare la realtà da punti di vista diversi e illuminanti. Ho lavorato anche nel campo dell'informazione democratica guidando, nella prima metà degli anni '90, Radio Città del Capo, dove ho messo a frutto anche le primissime emozionanti esperienze fatte anni prima, quando molti di noi da ascoltatori si improvvisarono "redattori" di Radio Alice. Da studente, da insegnante, da "militante", ho preso parte a tutti i movimenti che avevano al centro la lotta per l'uguaglianza e per la democrazia, la quale non può essere riconducibile solo al suo aspetto di rappresentanza delegata. Non ho cambiato idea su questo, anche dopo cinque anni di esperienza da consigliere comunale. Eletto nel campo della maggioranza, ho maturato la convinzione che solamente una presenza indipendente e alternativa al "sistema PD" può creare le premesse per una politica diversa sui temi dell'educazione e della scuola pubblica, della riconversione ecologica, dei diritti delle persone, della lotta all'ingiustizia sociale e della democrazia reale. Se noi saremo eletti, con Federico Martelloni, alla guida della città, non ci limiteremo alla retorica della partecipazione ma costruiremo ambiti di democrazia deliberativa su tutte le questioni decisive per il nostro futuro. Se io sarò eletto metterò la mia esperienza e la mia capacità di ascolto a disposizione del cambiamento.
Adele Porcaro
Mi chiamo Adele e vivo a Bologna dal 2001; ho lavorato prima da precaria nel Centro Territoriale Permanente e nel carcere della Dozza, dove ho insegnato italiano agli stranieri, poi sono passata al ruolo nella scuola primaria, con incarichi di coordinamento. Ho partecipato e partecipo a tutte le battaglie in difesa della scuola pubblica contro le cattive riforme che in questi ultimi quindici anni l'hanno colpita, sia contro quelle dei precedenti governi di destra che contro quello attuale, e ciò ha segnato il mio distacco dal PD, definitivo. Sostengo attivamente i referendum “sociali”. Ho condiviso l'appello di Coalizione Civica perché credo che sia urgente, necessario e non più delegabile il cambiamento della politica, e perché desidero contribuire a un nuovo modo di fare cittadinanza, coesione sociale, e democrazia. Ho una figlia di 4 anni e voglio poterle consegnare un paese migliore, una città compiuta. Adele Porcaro, Catanzaro, 6/12/1970.
Ciro Rinaldi
Ciro Rinaldi, nato a Napoli il 26/10/1962. Funzionario Ministero Sviluppo Economico a Bologna. Abita a Calderara di Reno e lavora a Bologna. E’ stato delegato sindacale di posto di lavoro per 10 anni. Ha condotto battaglie politiche in difesa dei servizi pubblici e intende continuare tali battaglie in difesa di istruzione, servizi alla persona, scuola, sanità e trasporti pubblici. Ha condotto una battaglia per la legalità, non ancora terminata pagando di persona le conseguenze di tale scelta.
Piergiorgio Rocchi
Piergiorgio Rocchi, sono nato a Jesi (AN), il 23 Giugno 1950, risiedo a Bologna, nel quartiere Porto. Architetto, sono esperto di pianificazione territoriale e urbanistica, di tutela e valorizzazione ambientale e paesistica,. Faccio parte dell'Istituto Nazionale di Urbanistica. Ho redatto e coordinato progetti di governo del territorio (tra i quali PRG, PSC e Piani associati), di numerosi enti locali (Comuni, Provincia) e enti (Parchi). Ho numerose pubblicazioni all'attivo. Ho fatto parte della 'Compagnia dei Celestini' e di Laboratorio Urbano. Svolgo attività di volontariato.
Alberto Ronchi
Nato a Ferrara Il 1/10/1961, Residente nel Quartiere San Vitale-Zona Irnerio. Libero professionista in ambito culturale. Laureato in Filosofia, è stato tra i fondatori del Circolo cinematografico Louise Brooks e di Ferrara sotto le stelle, entrambi ancora in attività. Ha una lunga esperienza amministrativa, prima come consigliere d’opposizione e poi come Assessore alla Cultura, a Ferrara, Regione Emilia Romagna e, infine Bologna. Indipendente, ha interrotto il proprio rapporto con l’Amministrazione di Bologna dopo essersi opposto allo sgombero del Centro Culturale Atlantide, con cui stava positivamente dialogando da un anno.
Barbara Curcio Rubertini
Nata a Forlì nel 1957 Residente nel Quartiere Saragozza-Porto Medico di organizzazione, dirigente AUSL, dottorato in Sanità Pubblica Impegnata nel promuovere la pratica dei dati aperti di Sanità e Sociale, come motore per ricostruire fiducia e cooperazione tra cittadini e istituzioni. Ha maturato anni di esperienza in processi di innovazione aperta e di programmazione partecipata, ad esempio attraverso i “Piani per la Salute e il Benessere Sociale” nell’Area Metropolitana di Bologna.
Ramona Ruggeri
Ramona Ruggeri, nata a Bologna il 21/03/1985 Residente a San Lazzaro di Savena (Bologna) Anni 31, di cui la metà lavorati. Appassionata di sottotitolaggio, traduttrice e interprete di formazione (SSLMIT Forlì, Università di Bologna), studia in Francia, si specializza al King's College di Londra con un Master su come insegnare le lingue straniere in ambiti multietnici. Torna in Italia determinata a migliorare i servizi linguistici ai migranti e consegue a Trieste una Laurea Magistrale in Cooperazione Interculturale allo Sviluppo. Durante 10 anni di esperienze internazionali e interculturali (tra il 2013 e il 2014 è ricercatrice presso l'osservatorio dell'Organizzazione Internazionale delle Migrazioni di Bruxelles), ritorna a più riprese a Bologna, della quale apprezza il grande potenziale associazionista e informale. Dal 2014 lavora come educatrice per una cooperativa sociale, realizzando laboratori linguistici e di orientamento per minori stranieri nelle scuole pubbliche del Comune di Bologna e presso centri di prima e seconda accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo. Partecipa inoltre attivamente ai coordinamenti degli operatori sociali del territorio. Intimamente legata a Bologna, sceglie di mettere la sua sensibilità politica e sociale al servizio di Coalizione Civica perché consapevole che l'unica soluzione per tornare ad una politica al servizio delle persone è contribuirvi, con il bagaglio e le competenze di chi nei servizi alla persona ci lavora quotidianamente.
Federica Salsi
Federica Salsi, nata a Bologna il 25/09/1972 Impiegata in un’azienda di grafica e pubblicità Abita al Quartiere Navile Sposata, madre di tre figli adolescenti, ha iniziato il suo impegno politico nel 2008 collaborando con un comitato ambientalista di cittadini formatosi a seguito di problematiche generate da aziende insalubri. Nello stesso periodo si avvicina al gruppo bolognese degli Amici di Beppe Grillo. Nel 2009 si candida con la lista Beppe Grillo alle elezioni amministrative e viene eletta al Quartiere Navile. In seguito alle dimissioni dell’allora Sindaco Delbono, il suo mandato giunge a termine dopo 9 mesi. Nel 2011 si candida con il Movimento 5 Stelle e viene eletta in Consiglio Comunale. A gennaio 2013 entra nel Gruppo Misto e continua la sua attività consiliare da indipendente. In questi 5 anni si è occupata di mobilità esprimendosi in maniera contraria alla realizzazione del Passante Autostradale Nord e del People Mover e favorevole all’implementazione del trasporto pubblico e della mobilità ciclabile. Si è occupata di rispetto dell’ambiente, amianto, rifiuti tossici e stop consumo di suolo. Ha portato avanti battaglie per la prevenzione delle ludopatie sia a livello locale che in collaborazione con alcuni parlamentari. Si è espressa a favore dell’acqua pubblica e della scuola pubblica sostenendo i relativi rerefendum e sostenendo la campagna “L’Italia sono anch’io” e lo ius soli.
Irene Soldati
sono nata a Bologna nel 1985 e cresciuta in una grande famiglia che mi ha insegnato valori come il rispetto e la condivisione. Lavoro per una cooperativa sociale bolognese e mi occupo principalmente di trasformare i rifiuti in risorse. Da un paio di anni mi sono messa in gioco per la tutela dell'ambiente: prendersi cura del pianeta ci insegna a vivere in armonia e nel benessere. È una lotta che riguarda tutti noi perché ne facciamo parte.
Alessandro Spadoni
61 anni nato a Faenza, Perito Agrario, Perito Chimico Industriale Capotecnico, Laureato nel 1980 in Chimica e Tecnologia Farmaceutica a Bologna, Farmacista. Residente e agricoltore al Quartiere Navile. Dopo 11 anni di esperienza professionale nell’industria lattiero caseario e alimentare nel centrosud Italia, si è trasferito a Bologna per intraprendere l’attività di produttore agricolo biologico dal 1991. E’ stato Presidente di Prober, Associazione dei Produttori Biologici e Biodinamici dell’Emilia Romagna, per 5 anni, arrivando al riconoscimento regionale dell’associazione. Ha avviato e diretto nel 2002 il settore BioEcoCosmesi, BioEcoDetergenza e Prodotti Vegetariani/Vegan di ICEA, Istituto per la Certificazione Etica Ambientale, curando la redazione dei disciplinari e schemi di certificazione. Copre e ha ricoperto il ruolo di Direttore Tecnico (qualified person) presso alcuni laboratori farmaceutici omeopatici e galenici. E’ autore di numerosi articoli sulla stampa specializzata cosmetica, partecipa come relatore a numerosi convegni di cosmetica, agricoltura e omeopatia. E’ abilitato dalla Regione Toscana tecnico controllore per l’agricoltura Biologica e Biodinamica. E’ docente in Lombardia, per progetti dei Fondi Sociali Europei di EcoBioCosmesi e riqualificazione dei cuochi per la cucina Vegana.
Barbara Spinelli
Avvocata penalista, nata a Medicina (BO) il 17.06.1982. Residente nel Quartiere San Vitale. ­ Barbara Spinelli, nata a Medicina (BO) il 17.06.1982. Residente nel Quartiere San Vitale. Avvocata e attivista per i diritti umani. E’ stata convocata come esperta indipendente per le Nazioni Unite dalla Relatrice Speciale dell’ONU contro la violenza sulle donne in materia di femminicidio, e dall’UNODC per l’elaborazione di un piano di azione per l’accesso delle donne vittime di violenza al sistema di giustizia penale. Collabora con numerosi centri antiviolenza e si occupa di sensibilizzazione e formazione professionale per amministratori pubblici, operatori legali e socio-sanitari, in materia di violenza maschile sulle donne e diritti umani. E’ autrice della voce “Femminicidio” per la IX appendice della Enciclopedia Treccani, ed ha scritto di femminicidio a livello nazionale e internazionale, reclamando la responsabilità istituzionale per la mancata rimozione di quegli ostacoli che impediscono la protezione delle donne sopravvissute alla violenza. E’ membro del Comitato Esecutivo di ELDH (European Association of Lawyers for Democracy & World Human Rights) . Adora Bologna e desidera mettersi in gioco per e con la città nella quale è cresciuta, umanamente e politicamente. Crede fermamente nel valore della condivisione ed alla dimensione orizzontale della vita collettiva, ma non si sottrae alla chiamata della responsabilità.
Marilisa Tenace
Marilisa nasce a Marsciano (PG) il 03 giugno di 34 anni fa. Dopo la maturità classica, decide di iscriversi alla Facoltà di Giurisprudenza ma, anziché restare a Perugia, sua città natale, sceglie di trasferisi a Bologna e di studiare nella città che, in adolescenza, l'aveva conquistata. Da allora sono passati 15 anni e ancora vive (nel Quartiere Porto-Saragozza) e lavora a Bologna, dove esercita la professione di avvocato penalista. Ha alle spalle diverse esperienze politiche: dalla rappresentanza studentesca universitaria, alla Sinistra Giovanile, sino al recente impegno con Possibile e Coalizione Civica. Attenta ai temi sociali e alle battaglie sui diritti, si è sempre spesa in difesa dei beni comuni, svolgendo un ruolo attivo in diverse consultazioni referendarie, come quella sull’acqua. Ha partecipato, fattivamente, durante l'attivismo in sinistra universitaria, alle iniziative volte a trovare soluzioni, nel lungo periodo, che soppiantassero le iniziative anti-degrado (ordinanze antibivacco) attuate dal comune come riposta all'emergenza, attraverso il dialogo tra tutte le parti in campo (frequentatori della zona universitaria, studenti e cittadini del quartiere) e con l'organizzazione di gruppi di discussione, che hanno coinvolto esperti della materia. Ha affiancato al suo percorso di studi approfondimenti extra-curriculari sulle differenze di genere e l'etica della cura, sui rapporti stato/mafia e sulle associazioni antiracket. Vuole mettere a disposizione di Bologna competenze giuridiche e sensibilità sociale, in uno spirito di condivisione.
Luca Trentini
Uno dei Tanti. Decisi di partecipare al progetto "Altra Europa", e di spingere per il progetto "Altra Emilia Romagna", pensando di rappresentare idealmente le Persone slegate da ogni Organizzazione, che speravano e sperano ancora in un Mondo migliore. Un Mondo dove la Politica agisca per l’Interesse Pubblico, e non per i grandi e piccoli interessi privati. Un Mondo dove le Persone nascano e vivano con eguali possibilità di essere felici e di rendere felici gli altri. Prima dell’Altra Europa, nei miei precedenti 50 anni, non avevo mai provato ad impegnarmi nei campi della Politica. Campi impervi ma, almeno in quelli a Sinistra, pieni di Persone generose, votate al Bene Comune, e non ai privilegi di parte. Sono nato a Bologna il 27 marzo 1965; ho un figlio più grande (Roberto, 19 anni) ed una più piccola (Alessia Noa, 11 anni); abito vicino alla Lunetta Gamberini; lavoro dal 1999 come funzionario giuridico, specialista in Diritto amministrativo e nelle materie del Governo del Territorio, presso la Regione Emilia-Romagna, dove curo anche funzioni dell’Anticorruzione, della Trasparenza, della Semplificazione, e dell’Ordinamento europeo. Tra esperienze e titoli precedenti, una laurea all’Università di Bologna in Giurisprudenza (1989, 110/110); la prestazione degli obblighi di leva come ufficiale della Guardia di Finanza (1990-1991 - ora Tenente di complemento); un diploma di Specializzazione post lauream in Diritto amministrativo e Scienza dell’Amministrazione (Spisa di Bologna 1992-1994, quando durava tre anni); sette anni come comandante di un piccolo corpo di polizia municipale (esperienza istruttiva sul funzionamento di certi Comuni e di certa politica); ed un master fresco fresco, dopo un anno di corso all’Università di Ferrara, sul miglioramento degli Enti Territoriali, quali Comuni e Regioni (Master PERF.ET 2015-2016). Aggiungerei solo una medaglietta Avis per le prime 50 donazioni di sangue, vari anni di gare di nuoto (in una squadra dello Sterlino dove mi chiamano Capitone, per via delle nuotate in apnea), qualche migliaio di chilometri in bici per le strade di Bologna, molte corse a piedi, all'alba, tra Monte Donato e San Luca, e la sopravvivenza alle prime due maratone di 42 km (contiamo di arrivare alla terza J).
Chiudi