Oggi sono 8 anni dal rapimento e dalla morte di Giulio Regeni.
Otto anni in cui mai è venuta meno la memoria e con essa la richiesta di verità e giustizia.
Come oggi ricorda Amnesty International il 20 febbraio riprenderà il processo agli agenti dei servizi segreti egiziani accusati del suo assassinio, la Corte di cassazione ha infatti stabilito che il processo potrà cominciare anche senza la loro presenza.
Una condizione necessaria a causa della totale assenza di collaborazione da parte delle autorità egiziane in questi anni, che ha reso impossibile anche la notifica degli atti agli imputati.
In attesa degli sviluppi futuri ancora una volta, dopo otto anni e finché sarà necessario, chiediamo verità e giustizia per Giulio.

Leave a Reply

Utilizzando il sito e continuando nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi