Oggi è la giornata internazionale delle donne, che non vogliamo considerare una festa ma un giorno di lotta
Aderiamo allo sciopero femminista e transfemminista globale, per bloccare per un giorno il lavoro produttivo e di cura.

Dopo un anno di pandemia, abbiamo visto come il ruolo delle donne sia fondamentale fuori e dentro le mura domestiche: in pieno lockdown e in assenza di welfare, le donne si sono ritrovate spesso a dover gestire anziani e/o figli piccoli completamente da sole, oltre a dover conciliare il lavoro di cura con lo smartworking e il lavoro retribuito.

La pandemia ha solo esacerbato una serie di disuguaglianze di genere già tragicamente strutturali: l’Istat certifica che nel 2019, 37.000 lavoratrici madri hanno lasciato il lavoro e che metà delle donne tra i 25 e 64 anni con figli non lavora.
Dalla relazione annuale sulle dimissioni volontarie delle lavoratrici madri e dei lavoratori padri dell’Ispettorato nazionale del lavoro per il 2019 emerge l’ennesima conferma di un fortissimo divario di genere: le dimissioni volontarie coinvolgono per il 73% le madri.
La pandemia ha aggiunto nuovi dati con cui fare i conti: 7 persone su 10 contagiate sul posto di lavoro nel 2020 sono state donne, spesso coinvolte in lavori nei servizi, di cura e di prossimità.
Nonostante questo i dati ISTAT ci raccontano come su 101mila nuovi disoccupati di dicembre, 99mila sono donne: queste sono le dimostrazioni lampanti di come le crisi e i loro effetti siano tutt’altro che neutri.

Aderiamo pertanto allo sciopero 8 Marzo ▼ Sciopero femminista e transfemminista a Bologna e per un giorno ci fermiamo: nell’uscita da questa pandemia, pretendiamo di rendere #Bologna la città meno diseguale di tutte, per tutte e tutti.

Se ci fermiamo noi, si ferma il mondo!

📷 di Michele Lapini


8 Marzo ▼ Sciopero femminista e transfemminista a Bologna
Lunedì 08 Marzo 2021 dalle 00:00 alle 23:30

Sta succedendo di nuovo.
Come l’anno scorso, l’8 marzo a Bologna sarà in zona rossa, ma in un modo o nell’altro, con la cura e l’attenzione verso tutto ciò che è necessario per prevenire ogni rischio di contagio, anche noi – donne, soggettività dissidenti, migranti – avremo il nostro 8 marzo, perché mai come ora lo sciopero femminista e transfemminista è essenziale.
Questa volta nessuno può permettersi di dire che si tratta di un’emergenza.

Solo pochi giorni fa il presidente della regione Emilia-Romagna parlava di riaprire i ristoranti la sera, dopo avere garantito ostinatamente la continuità dei commerci con ogni mezzo e in sprezzo di ogni allarme sulla diffusione dei contagi. Per la gioia di Confindustria, non si sente parlare da mesi dell’interruzione della produzione, che deve andare avanti senza se e senza ma. Il sindaco di Bologna ha dichiarato: «uscite solo per andare a lavorare». Zona rossa significa perciò chiusura delle scuole di ogni ordine e grado, limitazioni strettissime alla mobilità, divieto di ogni relazione che non sia commerciale. Da un giorno all’altro, migliaia di lavoratrici e madri si scontrano di nuovo con l’incubo della chiusura di nidi e scuole e della DAD che si sovrappone al lavoro, che sia in remoto oppure nei magazzini, nelle fabbriche o nei mille luoghi da sanificare. Si parla di congedi parentali pagati al 50%, ma il lavoro non si dimezza, al contrario raddoppia e che vanno sempre a discapito delle donne perché se hanno un reddito, è quello più sacrificabile in termini di bilancio familiare.

Centinaia di migliaia di donne hanno perso il lavoro perché non sono più in grado di sostenere insieme quello salariato e quello di cura, oppure hanno dovuto lottare duramente per non perderlo, come hanno fatto le lavoratrici migranti di Yoox rifiutando di scegliere tra maternità e lavoro. Tredici donne sono state ammazzate nei primi tre mesi del 2021, nessuna risorsa è stata destinata alla prevenzione della violenza maschile e di genere cresciuta esponenzialmente nell’ultimo anno, eppure le case dove quella violenza si consuma sono l’unico luogo in cui ci è concesso di stare. La commissione di garanzia ha negato al comparto scuola lo sciopero dell’8M perché una settimana prima è stato proclamato uno sciopero di categoria. Le limitazioni al diritto di sciopero sono sempre più intense e l’8 marzo colpiranno proprio le insegnanti che nell’ultimo anno hanno dovuto fare i salti mortali per garantire la didattica, a distanza o in presenza, e che ora per l’ennesima volta sono travolte dalla necessità di riorganizzarla. Bisogna assembrarsi alla catena di montaggio e nei magazzini, ma non è possibile una pausa pranzo all’aperto e così a Bologna 28 lavoratrici domestiche migranti – le stesse a cui durante il primo lockdown era stato negato il bonus e che sono state escluse dal blocco dei licenziamenti – sono state multate al parco. Andavano bene le folle per strada, quando consumavano, non va bene trovare sollievo da un lavoro h24, magari nell’unico luogo in cui è possibile trovarlo, uno spazio pubblico all’aperto, perché la propria casa è il luogo di lavoro e lì non ci si può fermare mai. Unico imperativo è lavorare, sempre e a qualsiasi condizione, e mentre noi dobbiamo chiederci come proteggerci anche al prezzo di rinunciare a manifestare, possiamo essere sfruttate a qualsiasi prezzo senza che nessuno si faccia scrupoli sui contagi nei posti di lavoro.

L’8 marzo lo sciopero femminista e transfemminista ci sarà ed è per questo che, nonostante a Bologna non possiamo convocare la piazza che avremmo voluto, ci stiamo organizzando perché a questo 8 marzo non possiamo rinunciare! Non appena sarà possibile organizzeremo una piazza e il nostro sarà un grido grandissimo e collettivo. Quest’anno l’8m vivrà nelle lotte di migliaia di città in tutto il mondo. Donne, migranti, persone lgbt*qia+ si asterranno dal lavoro e da ogni tipo di attività dovunque sia possibile, anche a Bologna, anche se si tratta di lavoro online o di quello domestico e di cura. Noi ci impegniamo a dare visibilità in ogni modo a tutte le forme dello sciopero femminista e transfemminista che è per noi essenziale anche quando sembra impossibile. Lo faremo con la nostra presenza dove sarà possibile, senza rinunciare alla cura necessaria per impedire che questo contagio colpisca ulteriormente le nostre vite precarie e riduca al silenzio le nostre lotte ostinate, e lo faremo anche sul web, con le parole e le immagini. Per conquistare questa visibilità ci stiamo organizzando!

Per questo chiediamo a chi l’8 marzo sciopererà e vorrà dare visibilità alla propria lotta di contattarci e condividere con noi:
💥 Diverse sigle sindacali l’8marzo hanno proclamato lo sciopero generale, incrociare le braccia è possibile.
Se tu puoi scioperare, facci sapere dove lavori e in quali condizioni: troveremo insieme modi per connettere e dare risonanza a ogni momento di rifiuto dello sfruttamento patriarcale e razzista!
👉 Qui il vademecum sullo sciopero
👉 Qui la lista delle adesioni di categoria in aggiornamento

✊ Vuoi sapere come dare voce e manifestare la tua partecipazione allo sciopero femminista e transfemminista in tutte le attività che sono permesse in zona rossa (mentre vai a fare la spesa, se non puoi smettere di lavorare e devi farlo in presenza o su una piattaforma digitale, mentre vai in farmacia)? Scrivi un messaggio a questa pagina o manda una email a n͟o͟n͟u͟n͟a͟d͟i͟m͟e͟n͟o͟.͟b͟o͟l͟o͟g͟n͟a͟@͟g͟m͟a͟i͟l͟.͟c͟o͟m͟

💻 Lavori da remoto e non sai come rendere visibile il tuo sciopero oppure hai idee su come farlo? Scrivi un messaggio a questa pagina ➔ m.me/nonunadimenobologna o manda una email a n͟o͟n͟u͟n͟a͟d͟i͟m͟e͟n͟o͟.͟b͟o͟l͟o͟g͟n͟a͟@͟g͟m͟a͟i͟l͟.͟c͟o͟m͟
oppure guarda le indicazioni su questo

💬 Inviaci un messaggio vocale, o di testo, in cui ci racconti quali effetti ha avuto sulla tua vita e sul tuo lavoro la pandemia e da cosa vorresti scioperare. Come?
1 – Collegati alla pagina Facebook di Non Una Di Meno Bologna
2 – Clicca su “invia un messaggio” ➔ m.me/nonunadimenobologna
3 – Registra il tuo vocale (max 2 minuti)
4 – Invialo! Lo pubblicheremo dalla nostra pagina durante la giornata del 8 marzo!

🏠 L’8 marzo, se sei a casa, appendi qualcosa di fucsia alla finestra. Se vuoi, pubblica o inviaci tramite messenger ➔ m.me/nonunadimenobologna o email a n͟o͟n͟u͟n͟a͟d͟i͟m͟e͟n͟o͟.͟b͟o͟l͟o͟g͟n͟a͟@͟g͟m͟a͟i͟l͟.͟c͟o͟m͟ foto e/o video con l’hashtag #lottomarzo #8marzo 🔻🔻🔻Taggaci anche su Instagram ※ @nonunadimeno_bologna ※

📩 L’8 marzo, se ne hai la possibilità, imposta nella mail il messaggio automatico “Oggi partecipo allo sciopero femminista e transfemminista transnazionale dell’8 marzo! ESSENZIALE È LA NOSTRA LOTTA ESSENZIALE È IL NOSTRO SCIOPERO!”

🔻L’8 marzo se hai call o incontri di lavoro online a cui non puoi sottrarti vestiti di nero e mettiti qualcosa di fucsia addosso!

ɴᴏɪ ᴄɪ sᴛɪᴀᴍᴏ ᴏʀɢᴀɴɪᴢᴢᴀɴᴅᴏ ᴘᴇʀᴄʜᴇ́ ᴀ ǫᴜᴇsᴛᴏ 8 ᴍᴀʀᴢᴏ ɴᴏɴ ᴘᴏssɪᴀᴍᴏ ʀɪɴᴜɴᴄɪᴀʀᴇ.
ᴇssᴇɴᴢɪᴀʟᴇ ᴇ̀ ʟᴀ ɴᴏsᴛʀᴀ ʟᴏᴛᴛᴀ, ᴇssᴇɴᴢɪᴀʟᴇ ᴇ̀ ɪʟ ɴᴏsᴛʀᴏ sᴄɪᴏᴘᴇʀᴏ!

Segui la pagina e l’evento per tutti gli aggiornamenti e la nostra pagina Instagram https://www.instagram.com/nonunadimeno_bologna/ ※ @nonunadimeno_bologna ※ See More Causes Kid Friendly Hosted by Non Una Di Meno Bologna NON UNA DI MENO 358 Going · 546 Interested Share this event with your friends

 

Utilizzando il sito e continuando nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi