Quello che manca nella mappa sulla densità culturale del comune di Bologna

By 21 Ottobre 2017notizie

Qualche giorno fa l’ Assessora Bruna Gambarelli e l’Assessora Valentina Orioli hanno presentato la mappa sulla densità culturale della città.

La mappa – si legge nella notizia sul sito del Comune di Bologna/Cultura – sviluppata dall’Area Cultura del Comune di Bologna, è uno strumento aggiornato e in continua evoluzione, dedicato in modo particolare a chi progetta la cultura in modo continuativo e riporta, oltre all’articolazione dell’offerta culturale in città, molte altre informazioni capaci di dialogare tra loro

Ora, abbiamo navigato un po’ sulla mappa: a parte l’insieme decisamente “old style” senza possibilità interattive, come invece fornisce un’altra piattaforma web del comune di Bologna, ovvero l’area Comunità di Iperbole
abbiamo notato che:

E chissà cosa altro manca che non abbiamo visto.
Però sono segnalate le tutte le chiese.

Ovviamente è segnalato che tutto verrà implementato grazie alla partecipazione dei bravi cittadini che vorranno mandare integrazioni e segnalazioni.
Ma un pensiero nasce spontaneo: segnalare a un assessore alla cultura che mancano tutte queste cose, imbarazza quasi come segnalare a un cuoco che manca il sale.

Utilizzando il sito e continuando nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi